Autoregolamentazione


UBI Banca e le banche rete del Gruppo UBI sono attivamente impegnate fin dal 2003 nell’attuazione di una serie di iniziative di autoregolamentazione definite a livello di settore, con l’obiettivo di favorire la semplicità di informazione e il confronto tra i prodotti e i servizi offerti sul mercato.
Queste iniziative, dapprima promosse dal Consorzio PattiChiari e ora gestite direttamente dall’Associazione Bancaria Italiana con il supporto di un Osservatorio Indipendente (rappresentativo di diverse realtà sociali, professionali, istituzionali e dell'associazionismo non profit), intendono aiutare la clientela nel compiere scelte maggiormente consapevoli e informate.

Allo stato attuale le iniziative di autoregolamentazione attivate da UBI Banca sono:

1. Conti correnti a confronto

Sul sito www.comparaconti.it è disponibile un motore di confronto online gratuito che fornisce informazioni complete, aggiornate e comparabili sui conti correnti offerti dalle banche aderenti.
Il motore include i conti correnti a pacchetto, i conti correnti ordinari e i conti di base offerti ai consumatori, mentre in un’apposita sotto sezione è possibile confrontare i prodotti di inclusione finanziaria (servizio bancario di base).
Per ciascun conto, la banca pubblica una scheda standard di confronto, recante le principali condizioni economiche e i contenuti di servizio, incluso l'indicatore sintetico di costo.

2. Trasferibilità dei servizi

L’iniziativa intende facilitare la trasferibilità da una banca all'altra delle Ri.Ba. e degli strumenti finanziari contenuti in un dossier titoli.
Il cliente avvia il trasferimento direttamente presso la nuova banca, a seguito della compilazione di uno specifico modulo di richiesta. Grazie a procedure interbancarie automatiche e standardizzate viene assicurata la continuità del servizio trasferito.
In considerazione della sua importanza, soprattutto per la clientela rappresentata dai “consumatori”, la cosiddetta “portabilità dei conti” è stata recentemente oggetto anche di uno specifico intervento legislativo (Legge n.33/2015).

3. Tempi medi di risposta sul credito

L'iniziativa prevede che la banca monitori, attraverso un processo strutturato, il tempo impiegato per fornire risposta alle richieste di finanziamento ricevute dalle piccole imprese e pubblichi trimestralmente, all'interno del motore di confronto presente sul sito www.comparaconti.it, il tempo medio per regione e per classi di importo predefinite.
Al fine di facilitare il dialogo con le imprese e di fornire strumenti di orientamento per gli imprenditori, la banca mette inoltre a disposizione l’elenco dei documenti necessari per richiedere un fido nonché un’apposita informativa (scheda “Assistenza al credito”) che illustra i criteri generali con cui le banche valutano la capacità di credito delle piccole e medie imprese.

 
 
Le informazioni di dettaglio relative alle iniziative attivate dalle banche rete del Gruppo UBI sono disponibili nella pertinente sezione del loro sito internet:

Per ulteriori informazioni:
visita il sito www.comparaconti.it